Xagena Mappa
Medical Meeting
Cardiobase
Onco News

Remdesivir previene la sindrome MERS da coronavirus nelle scimmie


Remdesivir, un farmaco antivirale sperimentale, ha prevenuto con successo la malattia dei macachi rhesus con sindrome respiratoria medio-orientale da coronavirus ( MERS-CoV ), secondo un nuovo studio condotto dai ricercatori dei National Institutes of Health negli Stati Uniti.
Remdesivir ha prevenuto la malattia quando somministrato prima dell'infezione e migliorato le condizioni dei macachi quando somministrato dopo che gli animali erano già stati infettati.

Il nuovo report del NIAID ( National Institute of Allergy and Infectious Disease ) è stato pubblicato su Proceedings of National Academy of Sciences ( PNAS ).

MERS-CoV è strettamente correlato al nuovo coronavirus del 2019 ( 2019-nCoV ) che sta diventando un'emergenza globale per la salute pubblica da quando sono stati rilevati i primi casi a Wuhan, in Cina, nel mese di dicembre.

Esperimenti di laboratorio hanno dimostrato che Remdesivir è in grado di proteggere gli animali da diversi virus.
Il farmaco ha dimostrato sperimentalmente di trattare efficacemente le scimmie infettate da virus Ebola e Nipah.
Remdesivir è stato anche studiato come trattamento per la malattia da virus Ebola nelle persone.

Il nuovo studio ha coinvolto tre gruppi di animali: quelli trattati con Remdesivir 24 ore prima dell'infezione con MERS-CoV; quelli trattati 12 ore dopo l'infezione ( in vicinanza del momento di picco della replicazione di MERS-CoV ); e animali di controllo non-trattati.

I ricercatori hanno osservato gli animali per sei giorni. Tutti gli animali di controllo hanno mostrato segni di malattie respiratorie.
Gli animali trattati prima dell'infezione non hanno mostrato alcun segno di malattia respiratoria, livelli significativamente più bassi di replicazione del virus nei polmoni rispetto agli animali di controllo e nessun danno polmonare.
Gli animali trattati dopo l'infezione sono hanno presentato una condizione significativamente migliore rispetto agli animali di controllo: la malattia era meno grave, i loro polmoni avevano livelli di virus più bassi rispetto agli animali di controllo e il danno ai polmoni era meno grave.

I promettenti risultati dello studio supportano gli studi clinici di Remdesivir su MERS-CoV e 2019-nCoV.
Almeno due studi clinici su Remdesivir per 2019-nCoV sono in corso in Cina e altri pazienti con infezione 2019-nCoV hanno ricevuto il farmaco secondo un protocollo di uso compassionevole.

Il virus MERS-CoV è emerso in Arabia Saudita nel 2012. A dicembre 2019, l'Organizzazione mondiale della sanità ( OMS ) ha confermato 2.499 casi di MERS-CoV e 861 decessi ( circa 1 decesso ogni 3 infettati ). Poiché circa un terzo dei casi di MERS-CoV si diffonde da persone infette trattate in ambito sanitario, i ricercatori hanno suggerito che Remdesivir potrebbe efficacemente prevenire la malattia in altri pazienti, nei contatti di pazienti e operatori sanitari.
E' stato anche notato che il farmaco può essere d'aiuto ai pazienti a cui è stata diagnosticata la MERS o 2019-nCoV, se somministrato subito dopo l'esordio dei sintomi. ( Xagena )

Fonte: National Institutes of Health, 2020

XagenaHeadlines2020



Indietro