Polmoniti comunitarie - Percorso Diagnostico-Terapeutico
Xagena Newsletter
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Malattia polmonare cronica ostruttiva: il Metoprololo è associato a una precoce riduzione della funzionalità polmonare


Lo studio BLOCK COPD ( β-Blockers for the Prevention of Acute Exacerbations of Chronic Obstructive Pulmonary Disease ) aveva rilevato che il Metoprololo ( Lopresor ) era associato a un rischio più elevato di grave esacerbazione della malattia polmonare cronica ostruttiva.

Per determinare il meccanismo alla base di questo risultato, sono stati confrontati i cambiamenti nella funzione polmonare nel corso dello studio tra i gruppi di trattamento, e valutato se la risposta al broncodilatatore al basale o la riduzione precoce del volume espiratorio forzato in 1 secondo ( FEV1 ) o della capacità vitale forzata ( FVC ) fosse associata al rischio di esacerbazione.

Sono stati confrontati i cambiamenti nella funzione polmonare ( FEV1 e FVC ) durante il periodo di trattamento utilizzando modelli lineari a effetti misti.
I modelli dei rischi proporzionali di Cox sono stati utilizzati per valutare l'associazione tra la risposta al broncodilatatore al basale ( FEV1, FVC, FEV1 e FVC combinati ), il cambiamento precoce post-randomizzazione ( 14 giorni ) della funzione polmonare e l'interazione tra l'assegnazione del trattamento e queste misure con il rischio di qualsiasi riacutizzazione grave o molto grave.
Sono stati utilizzati modelli binomiali negativi per valutare la relazione tra la risposta al broncodilatatore, l'interazione tra la risposta al broncodilatatore e l'assegnazione del trattamento e il tasso di riacutizzazione.

Durante il periodo di trattamento di 336 giorni, gli individui nel gruppo Metoprololo hanno presentato una diminuzione significativamente maggiore del FEV1 logaritmico dal basale alla visita il giorno 28 rispetto agli individui nel gruppo placebo.

Gli individui nel gruppo Metoprololo hanno presentato una diminuzione significativamente maggiore della FVC dal basale alle visite nei giorni 14 e 28, e anche una diminuzione significativamente maggiore della FVC logaritmica dal basale alle visite nei giorni 42 e 112 rispetto agli individui nel gruppo placebo.

Non sono state rilevate associazioni tra la riduzione precoce della funzione polmonare o interazioni tra la riduzione della funzione polmonare e l'assegnazione del trattamento e il tempo a qualsiasi esacerbazione grave o molto grave.

Non sono state osservate interazioni tra il braccio di trattamento e le misure di risposta al broncodilatatore al basale sul rischio o sul tasso di riacutizzazione.
Tuttavia, le persone con risposta al broncodilatatore FVC al basale avevano un tasso più elevato di esacerbazioni gravi o molto gravi ( rapporto di frequenza aggiustato, 1.62; intervallo di confidenza al 95%, 1.04-2.48 ).

In conclusione, il Metoprololo è risultato associato a una ridotta funzionalità polmonare durante la prima parte del periodo di trattamento, ma questi effetti sono stati modesti e non sono persistiti.( Xagena )

Parekh TM et al, Ann Am Thorac Soc 2022;doi:10.1513/AnnalsATS.202109-1042OC.

XagenaHeadlines2022



Indietro