Xagena Mappa
Medical Meeting
Farmaexplorer.it
Pneumobase.it

Farmaci per il reflusso acido: gli inibitori della pompa protonica possono aumentare il rischio di malattia renale cronica


Gli inibitori della pompa protonica ( PPI ), una classe di farmaci che trovano indicazione nel trattamento del reflusso acido e di altre condizioni gastrointestinali acido-correlate, può aumentare il rischio di sviluppare la malattia renale cronica.
I farmaci, inibitori della pompa protonica, sono tra le 10 classi di farmaci più prescritte negli Stati Uniti.

La prevalenza della malattia renale cronica è in aumento, con più di 20 milioni di cittadini degli Stati Uniti che presentano questa malattia.
Il diabete e l'ipertensione sono comuni fattori di rischio per la malattia renale cronica; inoltre, alcuni farmaci possono causare nefropatia.

Due nuovi studi hanno dimostrato che un maggior uso di inibitori della pompa protonica possono contribuire allo sviluppo di malattia renale cronica.

In uno studio, Benjamin Lazzaro ( Johns Hopkins University ) e i suoi colleghi hanno seguito 10.482 adulti con normale funzione renale nel periodo 1996-2011.
Hanno scoperto che coloro che facevano uso di inibitori della pompa protonica avevano una probabilità 20-50% maggiore di sviluppare la malattia renale cronica rispetto a coloro che non facevano uso di questi farmaci, anche dopo aggiustamento per le caratteristiche al basale.

Questa scoperta è stata replicata in un secondo studio, in cui più di 240.000 pazienti sono stati seguiti dal 1997 al 2014.

In entrambi gli studi, le persone che hanno utilizzato una diversa classe di farmaci per sopprimere l'acidità di stomaco, noti come antagonisti dei recettori H2 ( H2 antagonisti ), non hanno presentato un rischio maggiore di sviluppare malattie renali.

In un altro studio, Pradeep Arora ( SUNY, Buffalo ) e il suo team di ricercatori hanno scoperto che tra i 24.149 pazienti che avevano sviluppato malattia renale cronica tra il 2001 e il 2008 ( su un totale di 71.516 pazienti ), il 25.7% erano stati trattati con inibitori della pompa protonica.
Tra il gruppo totale di pazienti, quelli che avevano assunto inibitori della pompa protonica avevano una minore probabilità di andare incontro a malattie vascolari, cancro, diabete mellito, ipertensione, e broncopneumopatia cronica ostruttiva ( BPCO ), ma l'uso degli inibitori della pompa protonica era correlato a un aumento del rischio del 10% di malattia renale cronica e a un aumento del 76% del rischio di morire in maniera prematura. ( Xagena2015 )

Fonte: American Society of Nephrology - ASN Kidney Week 2015

XagenaHeadlines2015



Indietro