Vertigini
Forum Infettivologico
Alliance Cicatrici
Xagena Newsletter

FANS non-correlati a un aumento del rischio di COVID-19 e di mortalità nei pazienti con osteoartrosi


Non è stato riscontrato alcun aumento del rischio di infezione da SARS-CoV-2 ( COVID-19 ) o di mortalità per qualsiasi causa tra i pazienti con osteoartrosi nelle cure primarie che ricevono farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS ), rispetto ad altri analgesici.

I farmaci antinfiammatori non-steroidei sono ampiamente impiegati per aiutare a controllare il dolore nelle malattie croniche come l'osteoartrosi, e sono spesso usati in persone ad alto rischio di COVID-19, comprese le popolazioni più anziane.
In passato erano state sollevate preoccupazioni riguardo all'uso dei FANS nel contesto dell'infezione da SARS-CoV-2.

I risultati dello studio hanno indicato che la prescrizione di FANS ( escluse le preparazioni topiche ) nelle cure primarie non-aumenta la suscettibilità al COVID-19 o alla mortalità per qualsiasi causa, anche nei pazienti più anziani.

Per esaminare se l'uso dei FANS fosse in grado di aumentare il rischio di COVID-19, rispetto ad altri comuni analgesici, i ricercatori hanno condotto uno studio di coorte abbinato al punteggio di propensione, con comparatori attivi, utilizzando i dati di The Health Improvement Network ( THIN ).
THIN è un ampio set di dati di cure primarie generati da studi medici di medicina generale nel Regno Unito, tramite cartelle cliniche elettroniche.
Nel 2020, il database raccoglieva circa 2.1 milioni di pazienti attivi da 357 studi medici.

Sono stati analizzati i dati degli adulti con diagnosi di osteoartrosi che hanno completato il follow-up dal 30 gennaio al 31 luglio 2020.
Sono stati confrontati i pazienti che hanno ricevuto un FANS con quelli trattati con Co-Codamolo ( Paracetamolo e Codeina ) o con Codidramolo ( Paracetamolo e Diidrocodeina ).
In generale, l'analisi ha riguardato 13.202 pazienti che hanno ricevuto i FANS e 12.457 trattati con farmaci di confronto.
L'outcome primario era sospetto o confermato COVID-19. L'outcome secondario era la mortalità per qualsiasi causa.

I tassi di incidenza durante il follow-up per COVID‐19, sospetto o confermato, sono stati 15.4 per 1.000 anni-persona tra quelli trattati con FANS e 19.9 per i gruppi di confronto.
Gli hazard ratio aggiustati ( aHR ) nelle analisi senza eguali e con punteggio di propensione abbinato per le consultazioni nelle cure primarie, con COVID‐19 sospetto o confermato, sono state rispettivamente pari a 0.82 ( IC 95%, 0.62-1.1 ) e a 0.79 ( IC 95%, 0.57-1.11 ).
Per la mortalità successiva, gli hazard ratio aggiustati erano 0.97 ( IC 95%, 0.75-1.27 ) e 0.85 ( IC 95%, 0.61-1.2 ).
I risultati non sono stati influenzati dall'età o dal sesso.

Dallo studio è emerso che la prescrizione di FANS ( escluse le preparazioni topiche ) nelle cure primarie non aumenta la suscettibilità al COVID-19 o alla mortalità per qualsiasi causa, anche nei pazienti più anziani.
Questi risultati sono rassicuranti data l'elevata prevalenza dell'uso di farmaci antinfiammatori non-steroidei nei gruppi a rischio. ( Xagena )

Fonte: Arthritis & Rheumatology, 2020

XagenaHeadlines2020



Indietro