XagenaNewsletter
Medical Meeting
Xagena Mappa
Ematobase.it

COVID-19: gli anticorpi possono scomparire dopo 2-3 mesi


Gli anticorpi sviluppati dopo essere stati infettati dal coronavirus SARS-CoV-2 potrebbero scomparire nell'arco di pochi mesi, in particolare nei pazienti senza sintomatologia iniziale.

Precedenti studi avevano scoperto che la maggior parte delle persone infettate sviluppa anticorpi.

Ricercatori del Distretto cinese di Wanzhou hanno studiato 37 persone che erano state infettate da SARS-CoV-2 e avevano presentato sintomatologia, e 37 persone che erano state infettate senza manifestare sintomatologia.

Otto settimane dopo la guarigione, i livelli di anticorpi erano scesi a livelli non-rilevabili nel 40% delle persone asintomatiche e nel 13% delle persone sintomatiche.

Lo studio ha riguardato solo un piccolo gruppo di persone.

In caso di infezioni, oltre agli anticorpi circolanti, un ruolo immunitario importante è svolto anche dalle cellule T.
Tuttavia nello studio non sono state misurate nè le cellule T né le cellule B.

Sono stati testati due tipi di anticorpi: immunoglobulina G ( IgG ) e immunoglobulina M ( IgM ). Le IgG di solito permangono, a differenza delle IgM, per più tempo, e sono il migliore indicatore dell'immunità a lungo termine.

La riduzione degli anticorpi rilevabili è stata marcata dopo 8 settimane, con un calo mediano del 71% per i livelli di IgG nel gruppo asintomatico e un calo mediano del 76% nel gruppo sintomatico.

I risultati hanno messo in discussione l'idea del passaporto immunitario, che alcuni Paesi vorrebbero rilasciare a persone che risultano positive agli anticorpi. Queste persone sarebbero autorizzate a tornare al lavoro e a viaggiare perché sono presumibilmente immuni all'infezione virale. ( Xagena )

Fonte: Nature Medicine, 2020

XagenaHeadlines2020



Indietro