Xagena Mappa
Medical Meeting
XagenaNewsletter
Reumabase.it

Cobimetinib in combinazione con Vemurafenib migliora la sopravvivenza nei pazienti con melanoma avanzato positivo per la mutazione BRAF V600


I risultati dello studio di fase III coBRIM hanno mostrato un miglioramento statisticamente significativo della sopravvivenza globale nei pazienti naive al trattamento con melanoma con mutazione BRAF V600, metastatico o localmente avanzato non-operabile, trattati con la combinazione di Vemurafenib e di un inibitore di MEK, Cobimetinib, rispetto alla monoterapia con Vemurafenib.
Non sono stati evidenziati nuovi segnali di sicurezza.

coBRIM è uno studio internazionale di fase III, randomizzato e controllato con placebo, in doppio cieco che sta valutando la sicurezza e l’efficacia di Cobimetinib 60 mg una volta al giorno in combinazione con Vemurafenib 960 mg due volte al giorno, rispetto a Vemurafenib 960 mg due volte al giorno da solo.
Un totale di 495 pazienti con tumore positivo per la mutazione BRAF V600, non-trattati in precedenza, sono stati assegnati a ricevere Vemurafenib giornalmente su un ciclo di 28 giorni, più Cobimetinib oppure placebo nei giorni 1-21.
Il trattamento era continuato fino a progressione della malattia, tossicità inaccettabile o interruzione del trattamento.

L'endpoint primario dello studio era la sopravvivenza libera da progressione valutata dal ricercatore.
Gli endpoint secondari comprendevano la sopravvivenza libera da progressione valutata da un Comitato indipendente, il tasso di risposta obiettiva, la durata della risposta, la sicurezza e la qualità di vita.

Cobimetinib è un inibitore selettivo che blocca l'attività di MEK, una protein-chinasi che fa parte di un pathway chiave ( il pathway RAS-RAF-MEK-ERK ) che promuove la divisione cellulare e la sopravvivenza.
Questo pathway è spesso attivato nei tumori umani tra cui il melanoma, dove la mutazione di uno dei suoi componenti ( BRAF ) causa l'attivazione anomala in circa il 50% dei tumori.
Circa il 50% dei pazienti con melanoma con mutazione BRAF vanno incontro a una risposta antitumorale quando trattati con un inibitore di BRAF, ma lo sviluppo di resistenza e successiva progressione del tumore limitano i benefici del trattamento.
Analisi cliniche e precliniche hanno indicato che la riattivazione della via MEK-ERK può essere alla base dello sviluppo di resistenza agli inibitori di BRAF in molti tumori in progressione, e che il co-trattamento con un inibitore di BRAF e di MEK ritarda la comparsa di resistenza in ambito preclinico; questa è il razionale alla base della verifica clinica della combinazione di Vemurafenib e di Cobimetinib. ( Xagena )

Fonte: Exelixis, 2015

XagenaHeadlines2015



Indietro