Vertigini
Forum Infettivologico
Alliance Cicatrici
Xagena Newsletter

Artrite reumatoide: la FDA ha aggiunto un Warning Box agli inibitori di JAK: problemi cardiaci, cancro, morte


L'Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA ( Food and Drug Administration ), ha imposto ulteriori avvertenze riguardo agli inibitori JAK ( Janus chinasi ) dopo che una revisione sulla sicurezza aveva rilevato che questa classe di farmaci era associata a un rischio eccessivo di eventi cardiaci gravi, cancro, trombosi e morte.

Un avviso era stato precedentemente emesso dalla FDA a febbraio sul rischio di gravi problemi di salute e cancro legati a Tofacitinib ( Xeljanz ) rispetto agli inibitori del TNF tra i pazienti più anziani.
Ora, la FDA ha anche emesso nuove e aggiornate avvertenze per due ulteriori inibitori di JAK: Baricitinib ( Olumiant ) e Upadacitinib ( Rinvoq ).

Altri inibitori di JAK non sono stati valutati in ampi studi clinici sulla sicurezza, quindi il rischio con questi medicinali non è stato valutato. Tuttavia, poiché condividono i meccanismi d'azione di Tofacitinib, la FDA ha ritenuto che questi medicinali possano avere rischi simili a quelli osservati nello studio di sicurezza con Tofacitinib.

La FDA ha basato la sua avvertenza ( warning ) sui risultati di ORAL Surveillance, uno studio clinico di sicurezza post-marketing richiesto dalla FDA per dimostrare la non-inferiorità di Tofacitinib rispetto agli inibitori del TNF tra i pazienti con artrite reumatoide per quanto riguarda il rischio di eventi cardiovascolari e tumori maligni.
Questo studio ha anche studiato altri potenziali rischi, compresi i coaguli di sangue a livello polmonare e la mortalità.

La revisione dei risultati dello studio finale ha mostrato un tasso più elevato di eventi cardiaci gravi come infarto miocardico e ictus, cancro, trombosi e morte nei pazienti trattati con entrambe le dosi di Tofacitinib rispetto a quelli trattati con bloccanti del TNF.
È importante sottolineare che è stato osservato un tasso più elevato di coaguli di sangue e morte con entrambe le dosi di Tofacitinib rispetto ai bloccanti del TNF, mentre i precedenti risultati intermedi avevano mostrato un rischio solo con la dose più elevata.
Per i tumori, è stata osservata una maggiore incidenza di linfomi nei pazienti trattati con Tofacitinib rispetto a quelli trattati con inibitori del TNF. Un tasso più elevato di tumori polmonari è stato osservato nei fumatori correnti o passati trattati con Tofacitinib rispetto a quelli trattati con bloccanti del TNF.

L'Agenzia statunitense ha raccomandato che gli operatori sanitari considerino i benefici e i rischi per i singoli pazienti prima di iniziare o continuare il trattamento con inibitori di JAK, in particolare tra i pazienti che sono fumatori o lo sono stati, quelli con altri fattori di rischio cardiovascolare, quelli che sviluppano un tumore maligno e quelli con un tumore maligno noto diverso da un cancro della pelle non-melanoma trattato con successo. ( Xagena )

Fonte: FDA, 2021

XagenaHeadlines2021



Indietro