Reumatologia
Cardiologia.net
OncologiaMedica.net

Tratto falciforme, rabdomiolisi e mortalità tra i soldati americani


Gli studi hanno suggerito che il tratto falciforme elevi il rischio di rabdomiolisi da sforzo e di decesso.
È stato condotto uno studio del tratto falciforme in relazione a questi risultati, controllando i fattori di rischio noti per la rabdomiolisi da sforzo, in una vasta popolazione di persone attive che erano state sottoposte a test di laboratorio per l'emoglobina AS ( HbAS ) e che erano stati soggetti a precauzioni per infortunio da sforzo.

E’ stato verificato se i rischi di rabdomiolisi da sforzo e di mortalità variassero in base al tratto falciforme tra 47.944 soldati di razza nera che avevano effettuato il test per HbAS e che erano in servizio attivo nell'esercito degli Stati Uniti tra il 2011 e il 2014.
È stato utilizzato lo Stanford Military Data Repository, che contiene i dati medici e amministrativi completi su tutti i soldati in servizio attivo.

Non vi è stata alcuna differenza significativa nel rischio di morte tra i soldati con tratto falciforme, rispetto a quelli senza ( hazard ratio, HR=0.99; P=0.97 ), ma il tratto è risultato associato a un rischio aggiustato significativamente più alto di rabdomiolisi da sforzo ( HR=1.54; P=0.008 ).

Questo effetto era simile in grandezza a quello associato con l'uso del tabacco, rispetto al mancato uso ( HR=1.54; P minore di 0.001 ) e a quello associato con un indice di massa corporea ( BMI, peso in chilogrammi diviso per il quadrato dell'altezza in metri ) di 30.0 o superiore, rispetto a un indice BMI inferiore a 25.0 ( HR=1.39; P=0.03 ).

L'effetto è risultato inferiore a quello associato al recente impiego di una statina, rispetto al mancato uso ( HR=2.89; P=0.001 ), o a un farmaco antipsicotico ( HR=3.02; P=0.008 ).

In conclusione, il tratto falciforme non era associato a un più alto rischio di morte rispetto all’assenza del tratto, ma era correlato a un rischio significativamente più elevato di rabdomiolisi da sforzo. ( Xagena )

Nelson DA et al, N Engl J Med 2016; 375: 435-442

XagenaHeadlines2016



Indietro